I giardini nascosti di Milano. Parte due

Per il nostro secondo viaggio tra gli spazi verdi nascosti all’interno di Milano, dovremo recarci in via Francesco Sforza numero 25 per incontrare i giardini della Guastalla, nei pressi della celebre Università statale di Milano, quindi non lontano dall’ospedale maggiore della città. Si tratta di un piccolo spazio davvero intimo e unico che si estende su 12.000 m². Bisogna però evidenziare il fatto che questa struttura è stata completata addirittura nel 1555, ci troviamo quindi di fronte ad uno dei giardini pubblici più antichi della città. La costruzione de “La Guastalla” venne commissionata dalla fondatrice dell’omonimo collegio, la contessa Paola Ludovica Torelli della Guastalla.

All’interno di questo spazio sarà possibile riposarsi e passare un po’ di tempo lontani dal traffico e dell’inquinamento cittadino, godendosi il verde tanto sospirato all’interno del quale non manca un’ampia vasca dove vivono una moltitudine di piccoli pesci. Tra le curiosità da evidenziare c’è quella inerente al fatto che il progetto iniziale era caratterizzato da un laghetto al centro dei giardini, ora sostituito da una vasca peschiera di epoca seicentesca, progettata e costruita secondo i dettami dell’architettura barocca. I giardini sono costellati di panchine e percorsi che permettono ai visitatori di camminare e rilassarsi, oppure sedersi all’ombra di un albero per leggere un racconto o studiare.

Il parco fu progettato ad uso privato, ma nel 1939 venne finalmente aperto al pubblico, in congiunzione ad un altro celebre parco della città, quello del palazzo Sormani. All’interno dei giardini è possibile trovare alcune architetture davvero uniche nel loro genere, per esempio un’edicola seicentesca decorata da una serie di statue che raffigurano angeli attorno ad una Maddalena penitente. Un altro aspetto architettonico degno di nota è il tempietto neoclassico che non può davvero che lasciare a bocca aperta i visitatori dei giardini. Anche i bambini sono benvenuti tra gli alberi che caratterizzano questo piccolo spazio verde nel centro di Milano, è stata infatti creata un’area giochi dedicata ai più piccoli, e anche i fedeli amici degli uomini hanno il loro piccolo spazio per giocare e divertirsi.

Poco distante dai giardini è possibile apprezzare una straordinaria fontana in stile barocco, bisognerà recarsi all’angolo tra via della Commenda e via San Barnaba per poter apprezzare l’ennesima architettura unica nel suo genere.

Gli amanti della botanica saranno felici di sapere che all’interno dei giardini sono presenti svariate tipologie di alberi, la maggior parte dei quali è caratterizzato da un cartellino che ne esemplifica la denominazione. Tra gli esemplari più importanti presenti all’interno di questo spazio è possibile apprezzare una Catalpa Bignonioides conosciuta come Walt. Si tratta di una pianta dalle forme davvero complesse e monumentali, i suoi rami contorti e il suo tronco scultoreo possono davvero dar libero sfogo all’immaginario degli appassionati.